Visita www.grumonline.it, www.modugnonline.it, oltre a www.binettonline.it, www.torittonline.it e www.bitettonline.it - Tutto su Grumo Appula, Modugno, Binetto, Toritto, Bitetto e la provincia di Bari!

venerdì 14 maggio 2021

Fanta Virus 20-2021: risultati 36^ giornata

    

https://leghe.fantacalcio.it/fanta-virus-20-2021/

Conclusa la 36^ giornata di Serie A. 

Nell’Andata Semifinali Playoff, vincono gli interisti. 

La coppia RoccoMiky batte Mimmo per 76,5-72. 

Per Mimmo a segno Mkhitaryan e Immobile, mentre per i Ladri senza vergogna in rete Keita e Scamacca su rigore e assist di Hakimi. 

Nell’altra Semifinale stravincono GigiGiovanni contro Max per 82,5-70,5 (+12): per Max in rete Pasalic e Messias oltre agli assist di Dzeko e Malinovskyi, ma paga il -0,5 di Musso! 

Per la coppia GigiGiovanni decisivi l’interista Lukaku e lo juventino Buffon!

Nel prossimo turno il ritorno Semifinali Playoff (ricordando che non ci sono bonus), che porteranno alla Finale che assegnerà 50€ al primo e 20€ al secondo. 

Nella Classifica Ritorno, torna al primo posto la coppia GigiGiovanni che scavalca di +3,5 la coppia degli interisti RoccoMiky. 

Nella lotta per il terzo posto Mimmo davanti a Vito, Gianluca e Rocky. 

Prossimo turno formazioni entro le ore 14:45 per gli anticipi della penultima giornata di Serie A tra Spezia-Torino e Genoa-Atalanta, prima degli anticipi delle 18:00 Juventus-Inter e delle 20:45 Roma-Lazio.

giovedì 13 maggio 2021

L'Inter non si ferma più: 3-1 anche alla Roma. Conte e Lautaro a nervi tesi

Successo nerazzurro firmato da Brozovic, Vecino e Lukaku, tornato al gol dopo 5 gare. Il Toro furibondo dopo la sostituzione

Altro che sazietà da scudetto. L'Inter batte 3-1 la Roma e vince la quindicesima partita consecutiva in casa lasciando i giallorossi a portata di Sassuolo nella corsa al settimo posto che vale l'Europa League. Dopo sei pareggi di fila tra le due squadre, ecco un vincitore. Perde invece Lautaro, che subentra a Sanchez ma quando viene sostituito da Pinamonti se la prende di brutto con Conte. Lite che si poteva evitare.

 

Il Milan cala il settebello a Torino: Champions a un passo con super Rebic

I rossoneri passeggiano sui granata e mantengono il secondo posto. A segno Rebic (3), Hernandez (2), Diaz e Kessie su rigore. Padroni di casa inesistenti e a +4 sul Benevento: decisiva la sfida con lo Spezia di sabato


Il Milan esulta dopo la goleada di Torino. LaPresse

Una mattanza. Ovvero chi ha in mano gli strumenti per colpire e chi è indifeso. Torino-Milan è stato più o meno questo e fa parecchio effetto perché a fine campionato le esigenze e le forze di chi lotta per non retrocedere a volte valgono quanto quelle di chi insegue obiettivi più nobili. Ecco, questa non è stata una di quelle volte. Il Milan all’Olimpico Grande Torino cala addirittura un settebello – senza Ibra, va sottolineato - che schianta i granata e li piega sotto il peso di una figuraccia molto pericolosa dal punto di vista mentale a 180 minuti dalla fine. Finisce 7-0 con tripletta di Rebic, doppietta di Hernandez, gol di Kessie (rigore) e ancora Diaz. In più sul taccuino restano una rete annullata per fuorigioco (Calabria), un palo (Castillejo) e una traversa (Diaz).

 

La Juve dei centenari affonda il Sassuolo. E Buffon para un rigore

Stoppato Berardi dal dischetto, il vantaggio arriva con Rabiot. Ronaldo e Dybala siglano il gol n. 100 in maglia bianconera (anche un palo per il portoghese)

La Juve torna a ruggire, anche se ci vuole un mezzo schiaffo per risvegliarla da una ventina di minuti opaca. Al Mapei Stadium i bianconeri si impongono 3-1 sul Sassuolo, grazie ai gol del redivivo Rabiot (non segnava dalla gara col Porto del 9 marzo) e dei centesimi gol in maglia bianconera di Ronaldo e Dybala. Per i padroni di casa va a segno Raspadori, al quarto gol nelle ultime 4 gare. Col match ancora sullo 0-0, Buffon, che potrebbe aver giocato l’ultima partita in A in maglia bianconera dopo l'annuncio dell'addio, aveva parato un rigore a Berardi. In ogni caso è il portiere più anziano (43 anni) ad aver parato un rigore in Serie A. Le contemporanee vittorie di Atalanta e Milan, che si sommano alla manita di ieri del Napoli, annacquano il successo della Juve, che resta quinta a un punto dai campani. Ma intanto potrà giocarsi la qualificazione alla Champions negli ultimi due match del campionato, a partire dalla sfida di sabato con l’Inter all’Allianz Stadium.

 

mercoledì 12 maggio 2021

Napoli, show da Champions: 5-1 all'Udinese e notte al secondo posto

Getty Images

Azzurri in gol con Zielinski e Fabian Ruiz, ma Okaka ha tenuto aperto la partita. Nella ripresa le reti di Lozano, Di Lorenzo e Insigne. Domani tocca ad Atalanta, Milan e Juve rispondere

Il Napoli approfitta dell’anticipo e si va a riposizionare al secondo posto in classifica, mettendo pressione alle contendenti per i posti Champions. Soprattutto alla Juve, per una notte a quattro punti dagli azzurri. La squadra di Gattuso domina una Udinese compatta ma incapace di poter tenere il ritmo della squadra di casa che realizza un’altra goleada e mostra di avere i numeri per vincere anche le ultime due contro Fiorentina e Verona e garantirsi l’Europa di prima classe per la prossima stagione.

 

lunedì 10 maggio 2021

Fanta Virus 20-2021: risultati 35^ giornata

 

https://leghe.fantacalcio.it/fanta-virus-20-2021/

Chiusa la 35^ giornata, con ritorno dei Quarti PlayOff.

Molto equilibrio nella sfida Gianluca vs Max, nonostante il +14 di  Gianluca dell’Andata.
Grazie al +1,5 dell’andata e al +1,5 del ritorno, Max la ribalta con il +15, per un risultato finale di 86-71. Per Max decisivi le doppiette di Mayoral e Osimhen e il gol di  Malinovskyi.
In Semifinale Max sfiderà i campioni GigiGiovanni.

Senza storia invece l’altro Quarto, con la coppia RoccoMiky che aveva un vantaggio di +13 dopo l’andata e batte di nuovo Rocky per 79-78.
In Semifinale la coppia RoccoMiky sfiderà Mimmo.

Nella Classifica Ritorno continua la sfida tra RoccoMiky e i campioni GigiGiovanni. Invece per il terzo posto sfida Mimmo-Rocky.

Questa settimana turno infrasettimanale: formazioni entro martedì (domani) alle ore 20:30 per l’anticipo Napoli-Udinese.

domenica 9 maggio 2021

Milan da urlo allo Stadium: Juve schiantata, Champions più vicina

I rossoneri trionfano con i gol di Diaz, Rebic e Tomori. Kessie sbaglia un rigore. Diavolo secondo, Juve quinta a -3 e un punto dal quarto posto. Ma la strada dei bianconeri appare molto in salita


Il primo gol rossonero di Brahim Diaz. Ansa

Lo spareggio è rossonero. Fortissimamente rossonero. Perché di questo si trattava, di uno spareggio per la Champions, anche se da entrambi i club in vigilia facevano notare che comunque ci saranno da giocare altre tre partite. Il Milan fa tutto in una notte: si riprende il secondo posto (assieme all’Atalanta), scalcia la Juve a -3, la supera per differenza reti negli scontri diretti (quindi un potenziale -4 in caso di arrivo a pari punti) e sbanca per la prima volta lo Stadium. L’ultimo successo rossonero in casa juventina risaliva al 2011, all’Olimpico. Finisce 3-0, con i gol di Brahim Diaz, Rebic e Tomori. Praticamente una mattanza anche in considerazione del valore della posta in palio. I numeri stavolta dicono tutto: tre gol, un rigore dilapidato e un solo tiro concesso alla Juve nello specchio della porta. Vittoria cristallina e meritata quindi, che fa sprofondare Madama al quinto posto e – sotto gli occhi di John Elkann, presente allo Stadium - apre uno stato di crisi di cui Agnelli e Pirlo non sentivano l’esigenza a 270 minuti dalla fine. Certo, aritmeticamente non è tutto perduto perché il Napoli dista soltanto un punto. Ma, confrontando i due calendari, il cammino bianconero è decisamente più impervio.

 

venerdì 7 maggio 2021

Villarreal in finale, Arsenal eliminato: è la quinta di Emery

Foto AP

Gli spagnoli evitano il pieno inglese in Europa capitalizzando il successo ottenuto all'andata. Gunners sfortunati con due legni colpiti da Aubameyang

Risultato e traguardo storico per il Villarreal, con annessa (duplice) vendetta. All'Emirates è festa piena per il Sottomarino giallo, che fa fruttare il successo dell'andata conquistando la prima finale europea della sua storia al quinto tentativo. Agli spagnoli basta lo 0-0 per avere la meglio sull'Arsenal, lo stesso rivale che nel 2006 aveva negato al Sottomarino giallo la finale di Champions. Allo stesso tempo, il Villarreal evita l'en-plein inglese in Europa, dove gli spagnoli faranno da quarto incomodo tra City, Chelsea e United. Traguardo dal sapore di rivalsa per il tecnico Emery, che nel 2019 venne esonerato dai Gunners pochi mesi dopo il k.o. in finale di EL contro i Blues.

 

Roma, niente miracolo: la vittoria sullo United non basta

Paulo Fonseca, 48 anni, allenatore della Roma (LAPRESSE)

Doppietta di Cavani per i Red Devils, Dzeko, Cristante e l’autogol di Telles (sul tiro di Zalewski) illudono i giallorossi. In finale ci vanno gli inglesi

Una vittoria piena di cose. Dove dentro c'è l'orgoglio della rivincita, la voglia di mettersi in mostra agli occhi di Mourinho e il rammarico per il drammatico secondo tempo di Manchester. La Roma stavolta supera lo United per 3-2 grazie alle reti di Dzeko, Cristante e l’autogol di Telles sul tiro del giovane Zalewski (occhio, è un talento), tutte giunte nella ripresa. E per un po' ha anche sperato nella clamorosa remuntada, quando sul 2-1 De Gea ha piazzato una serie di interventi assolutamente decisivi. A portare lo United in salvo è invece stato ancora una volta Cavani, autore di una doppietta, esattamente come all'andata. Il suo, evidentemente, è un conto aperto con la Roma, visto che con i due di ieri sono ben 13 i gol segnati in carriera ai giallorossi. A Fonseca e i suoi ragazzi resta comunque l'orgoglio di aver dimostrato di potersela giocare davvero alla pari. Anche se con quello, appunto, c'è anche un pieno di rammarico difficile da digerire.

 

giovedì 6 maggio 2021

Favola Chelsea: fa fuori il Real e va in finale contro il City!

Un gol per tempo di Werner e Mount: Tuchel raggiunge Guardiola nella partita che assegnerà la Coppa a Istanbul

Un grande Chelsea batte 2-0 il Real Madrid nella semifinale di ritorno di Champions League e raggiunge il Manchester City in quella che sarà una finale tutta inglese. Decisive le reti di Timo Werner nel primo tempo e di Mason Mount nel finale. Ma il risultato, corretto nella sostanza, non esprime pienamente quello che si è visto in campo. Il Chelsea ha sprecato almeno 5 occasioni per segnare, mentre Tuchel deve ringraziare anche il portiere Mendy, autore di due parate prodigiose su Benzema nel primo tempo.